mercoledì 16 aprile 2014

mercoledì veg

Ultimamente in tanti mi chiedono informazioni riguardo alla mia alimentazione e spesso vogliono avere qualche ricetta.
Visto che ultimamente ho poco tempo/voglia di cucinare e ancora meno tempo di seguire come si deve questo blog, avrei deciso (sperando di farcela) di impegnarmi a condividere almeno una ricetta vegetariana alla settimana.
Precisamente posterò la mia ricetta il mercoledì. Perché proprio il mercoledì?
Perché, anche se in pochi lo sanno, in Italia il mercoledì è VEG!
Sto parlando di un'iniziativa della LAV che si chiama appunto “mercoledì veg” e che consiste sostanzialmente nella proposta di mangiare vegetariano per almeno un giorno alla settimana.
Nulla di complicato o impossibile, se avete voglia provate anche voi.
Io vi aiuto postando qualche ricetta, anche se, ricordatevi, che per mangiare vegetariano non serve fare i salti mortali: una pasta con le verdure e il gioco è fatto!

Oggi allora vi propongo una ricetta facile facile, lo so, è un po' tardi, ma non ci vuole molto a prepararla, quindi fate ancora in tempo.



TORTINO DI PATATE E CAVOLFIORE
dosi per una teglia tonda, diametro 25 cm circa, 2 persone affamate

5 patate
1 cavolfiore piccolo
2 uova
formaggio morbido tipo crescenza, stracchino o simili
sale, pepe
erba cipollina
una noce di burro oppure olio
pangrattato


Cuocete al vapore le patate e separatamente il cavolfiore.
Una volta cotte, schiacciate le patate ancora calde con una forchetta.
Regolatele di sale e pepe e aggiungete dell'erba cipollina fresca (se piace) o altre erbe a piacimento.
Sbattete a parte le uova e mescolatele alle patate schiacciate.
Tagliate a dadini il cavolfiore.
Imburrate una teglia e cospargetela di pangrattato.
Distribuite nella teglia un primo strato di patate, metà del composto.
Sopra alle patate versate il cavolfiore a dadini e spolverate di sale e pepe (1).
Mettete qualche ciuffetto di formaggio a piacimento (2).
Distribuite sopra il secondo strato di patate (3).
Cospargete la superficie di pangrattato e a piacere del burro a tocchetti o un giro d'olio (4).
Cuocete in forno a 180° per 20 minuti circa, se volete una bella crosticina, 5 minuti di grill.
Mangiare e leccarsi i baffi (almeno credo, visto che ancora non l'ho assaggiato... stasera vi so dire!).



 Ricetta che si presta a mille varianti, usate la fantasia e quello che avete in dispensa!

lunedì 17 marzo 2014

Se dimentichi di fare la spesa ...





Ahimè a casa nostra succede spesso, ma non è mai un problema, alla fine riusciamo sempre a mangiare, e spesso con grandissima soddisfazione!
È stato il caso di questa zuppa, preparata domenica sera: frigo vuoto, verdure finite, niente avanzi, niente supermercati aperti per noi, pizza mangiata la sera prima...
Il giro in dispensa però ha portato alla luce dei piccoli tesori: farro, lenticchie rosse, piselli secchi, fave secche e grano saraceno.
E visto che a casa nostra non si dice mai no ad una buona zuppa... zuppa sia!



ZUPPA DEI TESORI
Elenco gli ingredienti, ma sappiate che come al solito le dosi non esistono, tutto a occhio!

Mezza cipolla
Un pezzetto di porro
Una piccola carota
Un gambo di sedano
Una piccola zucchina
Farro
Piselli secchi
Lenticchie
Fave secche
Grano saraceno
Rosmarino
Alloro
Salvia
Olio Extravergine di Oliva
Sale, pepe

  1. Dopo aver scovato mezza cipolla e un pezzetto di porro in frigo, ho deciso di affettarli entrambi, non troppo sottilmente, come piace a noi. Ho tagliato a rondelle anche una carota e del sedano e una piccola zucchina.
  2. Dentro alla mia mitica pentola a pressione, ho soffritto con abbondante olio le verdure.
  3. Nel frattempo in una ciotola ho mescolato il farro, i piselli, le lenticchie, le fave e il grano saraceno. Sono andata ad occhio, in base al colore ho messo un po' di questo e un po' di quello. Ho sciacquato il tutto con l'acqua fredda fino a che l'acqua è rimasta limpida.
  4. Ho aggiunto al soffritto il mio misto di legumi e cereali e li ho fatti cuocere insieme per qualche minuto.
  5. Sono uscita a raccogliere l'alloro, il rosmarino e qualche foglia di salvia. Ho lavato bene, poi ho tritato il rosmarino e la salvia, mentre l'alloro è finito in pentola intero.
  6. Ho versato nella pentola a pressione acqua bollente, fino a coprire gli ingredienti, e ho aggiunto sale e pepe.
  7. Ho chiuso la pentola e l'ho fatta andare per circa 15 minuti dopo il fischio.
  8. La zuppa è pronta!


Dalla pentola a pressione è uscita una zuppa vellutata e cremosa. Fave, lenticchie e piselli si sono praticamente sciolti, se volete vederli intatti, dovrete cuocere per meno tempo la zuppa.
Che dire?

Buonissima, veloce e nutriente!

venerdì 6 settembre 2013

La cavolizza


Come trasformare un cavolfiore in una pizza:
ISTRUZIONI:
  1. Prendete un bel cavolfiore, lavatelo e dividetelo in cimette.
  2. Cuocetelo al vapore.
  3. Fatelo raffreddare.
  4. Inseritelo in un mixer assieme ad un UOVO (di gallina felice) e mezza MOZZARELLA e frullate.
  5. Versate il composto ottenuto in una teglia da forno in cui avrete sistemato un pezzo di carta forno.
  6. Cuocete in forno caldo a 180° per 20/30 minuti.
  7. Estraete la base dal forno e conditela come fosse una pizza: salsa di pomodoro, la mezza mozzarella avanzata e altro a scelta.
  8. Rimettete in forno per 5 minuti.
  9. MANGIATE e GODETE!

Con questa ricetta fate anche un'opera di bene: il povero cavolfiore, da sempre snobbato e deriso, aumenterà la sua popolarità e si farà tanti nuovi amici!
Provare per credere!

P.S. Il giorno dopo, riscaldata in padella, era ancora più buona!